Alfonso Cassoli

Aus Theaterlexikon
Wechseln zu: Navigation, Suche

* 28.7.1910 Bologna (I), † 24.5.1981 Lugano TI.

A partire dagli anni ’30 è nelle compagnie di Arnoldo Foà, Domenico Benassi, Ruggero Ruggeri. Ingaggiato dalla →Radio Svizzera Italiana (RSI), Lugano TI nel 1959 sarà soprattutto attivo come attore radiofonico, pur non mancando alcune importanti apparizioni sui palcoscenici italiani: è Decio Bruto nel Giulio Cesare di Shakespeare, diretto da Sandro Bolchi al Festival Shakespeariano di Verona (1959); Uno scienziato e Il Segretario del Granduca nella Vita di Galileo di →Bertolt Brecht, diretto da →Giorgio Strehler (Milano, Piccolo Teatro, 1963); il Secondo gentiluomo (nella "(prima giornata)") e il Duca di Norfolk (nella "(seconda giornata)") de Il gioco dei potenti, dall’Enrico VI di Shakespeare, libero adattamento e regia di Strehler (Milano, Teatro Lirico, 1965). Nel 1957 partecipa a Lugano (nel salone superiore del →Teatro Kursaal, Lugano TI) al debutto del →Teatro Prisma, in Tre atti senza amore, è il marito in Come lui mentì al marito di lei di G.B. Shaw e di Ciubucov in Una domanda di matrimonio di Čechov, per la regia di Franco Passatore; lo stesso anno è Giove nell’Anfitrione di Plauto, sempre per la regia di Passatore. In pubblico, per la RSI, è Dathi Maccoo nel Sentiero di porpora di Maurice Meldon (Lugano, Auditorio RSI, 1966, regia di →Carlo Castelli) e Il proprietario del bar in Amedeo o come sbarazzarsene di Ionesco (Lugano, →Teatro Apollo, regia di Castelli). Per gli spettacoli pubblici RSI, partecipa inoltre alla tournée di Troilo e Cressida di Shakespeare (Lugano, Auditorio RSI, 1975, ruolo di Priamo) e del Tartufo di Molière (Acquarossa, Cinema-Teatro Blenio, 1977, ruolo di Cleante), entrambi per la regia di →Alberto Canetta. Attivo anche per la →Televisione della Svizzera Italiana (TSI), Comano TI (La trappola del coniglio di J.P.Miller, 1968, Festa agreste di Havel, 1971, regie di →Sergio Genni): in palcoscenico è Anzolo ne L’avvocato difensore di Mario Morais (regia di Genni, realizzazione pubblica al Padiglione Conza di Lugano, 1961); Chirin ne L’anniversario di Čechov, regia di Franco Thaler (Acquarossa, Cinema-Teatro Blenio, 1976); il Visitatore in Serata d’autunno di →Friedrich Dürrenmatt, regia di Mirto Storni (Poschiavo GR, Teatro Rio, 1978).



Autore: Pierre Lepori



Fonte:

Lepori, Pierre: Alfonso Cassoli, in: Kotte, Andreas (a.c.): Dizionario teatrale Svizzero, Chronos Verlag Zurigo 2005, vol. 1, p. 354.