Denise Fedeli

Aus Theaterlexikon
Wechseln zu: Navigation, Suche

* 3.3.1962 Lugano TI. ∞ Roberto Valtancoli, violinista.

Diplomata in pianoforte (1985), in composizione (1989) e in direzione d’orchestra (1989) al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano e all’Accademia Musicale di Pescara. Nel 1987 vince il Primo Premio al Concorso di Direzione d’orchestra dell’Accademia Musicale O.Respighi (Assisi). Inizia una carriera internazionale di direttrice d’orchestra (nel 1991 debutta al Maggio Musicale Fiorentino in tre concerti di Mozart per pianoforte e orchestra, solista Maria Tipo), ed è nomitata direttrice stabile dell’Orchestra del Conservatorio della Svizzera Italiana (1991) e dell’Orchestra Femminile Europea Clara Wieck (1992). In campo operistico, ha diretto, nel 1994, al Teatro Regio di Parma, la prima assoluta di Amorsacro/Amorprofano di Azio Corghi con il soprano Cecilia Gasdia (Orchestra sinfonica dell’Emilia Romagna "Arturo Toscanini"); sempre a Parma ha diretto il Pierrot lunaire di Schönberg (con Maddalena Crippa, 1995). Tra le altre produzioni si ricordano Zaide di Mozart (regia di Lorenzo Arruga, MilanoClassica, 1994), La notte di un nevrastenico di Nino Rota (regia di Piera degli Esposti, Orchestra Sinfonica Calabrese, 1995), Magma di Lamberto Coccioli (regia di Gigi Dall’Aglio, Lugo, Teatro Rossini, 20.3.1998, prima assoluta), Wir bauen eine Stadt di →Paul Hindemith (Lecce, Festival Internazionale dell’Opera per voci bianche, 2001), Cenerentola di Rossini (Bienne, →Theater Biel Solothurn, 2004, regia di →Urs Leicht). Collabora regolarmente con la →Radio Svizzera Italiana (RSI); per la Festa della Vendemmia di Lugano è chiamata a dirigere, nel 2005, la riproposta moderna de Il Canvetto di →Arnaldo Filipello. All’attività direttoriale affianca quella di compositrice ed è docente presso il Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano (dal 1991).



Autore: Pierre Lepori



Fonte:

Lepori, Pierre: Denise Fedeli, in: Kotte, Andreas (a.c.): Dizionario teatrale Svizzero, Chronos Verlag Zurigo 2005, vol. 1, p. 568.

Normdaten