Elisabetta Pogliani

Aus Theaterlexikon
Wechseln zu: Navigation, Suche

* 3.3.1966 Milano (I).

Di origini svizzere da parte di padre, dopo la laurea in Filosofia all’Università statale di Milano, si forma presso la scuola Quelli di Grock e negli stage di Ludwik Flaszen (sotto la cui direzione sarà nel Prometeo incatenato di Euripide al Teatro Libero di Palermo, nel 1997). Debutta nel 1991, a Bologna, nell’azione teatrale corale Antigone della città, per la regia di Marco Baliani, con il quale sarà anche nel Peer Gynt di Ibsen al Teatro dell’Elfo di Milano (1994). Al Teatro Verdi è diretta da Donatella Massimilla in Yo Frida Kahlo (1993, versione italiana di Alas Rotas, monologo tratto dai diari dell’artista messicana). Lavora, tra gli altri, per il milanese Teatro Libero (La peste di Camus, regia di Gabriele Calindri, 1995), a Cesena (Ossicine con la Scuola Nomade di Cesare Ronconi, drammaturgia di Mariangela Gualtieri, Teatro della Valdoca, 1994) e a Torino (Canto per Torino, spettacolo corale per la regia di Gabriele Vacis, Mole Antonelliana, 1996; Il gioco di Romeo e Giulietta, regia di Beppe Rosso, Teatro dell’Angolo, 2000). A Milano fonda, insieme a Paola Zecca, la compagnia La Fionda Teatro, per cui scrive dirige e interpreta, nel 1997, Come un usignolo col mal di denti, ispirato alla musica e all’opera di Erik Satie (Belluno, Festival Filo d’Arianna; poi Milano, Teatro Libero). La compagnia produce in seguito gli spettacoli Quasi invisibile (Milano, Festival Da vicino nessuno è normale, 2000), Metà di uno, ispirato al Simposio di Platone (Milano, Teatro Verdi, 2002), Pane pagano (Milano, CRT - Centro di Ricerca per il Teatro, 2005). Come attrice, P. è poi impegnata nei ruoli di Beth e Deborah in Paesaggio e Una specie di Alaska di Pinter (regia di Valeria Talenti, Milano, Teatro Litta, 2003) e di zia Julie in Hedda Gabler di Ibsen (Parigi, Ateliers Berthier, 2005, regia di Eric Lacascade, con Isabelle Huppert, produzione Odéon-Théâtre de l’Europe).



Autore: Pierre Lepori



Fonte:

Lepori, Pierre: Elisabetta Pogliani, in: Kotte, Andreas (a.c.): Dizionario teatrale Svizzero, Chronos Verlag Zurigo 2005, vol. 2, pp. 1420–1421.

Normdaten