Fabio De Agostini

Aus Theaterlexikon
Wechseln zu: Navigation, Suche

* 12.12.1933 Bellinzona TI.

È cresciuto a Roma dove vive tutt’ora. La sua prima opera teatrale, Giorno dopo notte giorno dopo ottiene nel 1965 il Premio Opera Prima dell’Istituto del Dramma Italiano (e viene pubblicata dalla rivista "Ridotto"); le sue opere seguenti per il palcoscenico sono raccolte nei volumi Teatro di frontiere (Milano, Sipario, 1993) e Teatro Due - Altre frontiere (Roma, Arlem, 1998). Tra queste si ricordano: Kriminal Play (Roma,Teatro delle Muse, 1965); La colpa di telefono (Roma,Teatro dei Satiri, 1968); E del potere le segrete stanze (→Televisione della Svizzera Italiana, TSI, Lugano, 1973); Come i raggi al sole (→Radio Svizzera Italiana, RSI, 1978); I vostri giorni (TSI, 1980), Viaggio di controllo (RSI, 1976), Notturno simbolico (RSI, 1990). In occasione del Settecentesimo della Confederazione scrive e dirige Angelo de Stoppani identità del Canton Ticino, presentato allo →Studio Foce di Lugano (1991). È realizzatore di documentari cinematografici e di film (Lauta Mancia, Italia, 1956, con Silvano Orlando) e di adattamenti radiofonici. È inoltre romanziere (Smonly, Roma, Gattopardo, 1972, finalista Premio Viareggio Opera Prima; Amoressia, Roma, Arlem, 1998), attivo anche sotto pseudonimo: Fabian De Haag (Schiava dell’erotismo, Torino, Meb, 1972), Rudolf Hess (Solstizio di tenebre, Roma, Trevi, 1978). Membro →AdS, ASSI, PEN, SIAE.



Autore: Redazione



Fonte:

Redazione: Fabio De Agostini, in: Kotte, Andreas (a.c.): Dizionario teatrale Svizzero, Chronos Verlag Zurigo 2005, vol. 1, p. 436.

Normdaten