Fausto Tenzi

Aus Theaterlexikon
Wechseln zu: Navigation, Suche

* 1.4.1939 Lugano TI.

Inizia gli studi di canto a Milano sotto la guida di Alberto Soresina, Giuseppe Pais e Arturo Merlini, perfezionandosi con Friedrick Husler. Nel 1971 esordisce alla Sala Čajkovskij di Mosca nella Petite Messe Solennelle di Rossini, producendosi in seguito a Odessa, San Pietroburgo e in altri centri della provincia sovietica. Il debutto teatrale avviene nel 1972 allo →Stadttheater di Lucerna come Riccardo in Un ballo in maschera di Verdi (diretto da Ernst-Hans Beer) e in Don José nella Carmen di Bizet (→Ulrich Meyer-Schoellkopf). Vi torna come Manrico ne Il trovatore (1973, Beer), Alfredo ne La traviata di Verdi (1974, Meyer-Schoellkopf), Tebaldo nei Capuleti e Montecchi di Bellini (1975, Stuart Challender) e infine come Pinkerton in Madama Butterfly di Puccini (1976, Challender). Nel 1973 esordisce al Comunale di Firenze nella IX sinfonia di Beethoven per la direzione di Igor Markevitch, presentandosi nel corso dell’anno successivo all’Accademia di Santa Cecilia di Roma con il Salmo XIII di Liszt per la direzione di Zoltan Peskò. Nel 1977 è il principe Andrej nella Kovancina di Mussorgskij al Comunale di Perugia (Sagra Umbra) e protagonista dell’Oratorio Jephte di Giacomo Carissimi al Festival di Montepulciano (direzione di Werner Henze); nello stesso anno detiene il ruolo-titolo del Don Carlo verdiano, presso il Teatro alla Scala di Milano, in alcune recite dell’allestimento di Luca Ronconi (sotto la direzione di Claudio Abbado), alternandosi a José Carreras accanto a Mirella Freni. Ospite di prestigiose rassegne musicali internazionali, quali la Alte Oper di Francoforte sul Meno (1979), i Festival di Buxton (1979), Charleston (1980), Berlino (1983), dalla fine degli anni Settanta si produce anche presso la Carnegie Hall di New York (Capuleti e Montecchi, 1979), il Théâtre des Champs Elysées (Dodon ne Il gallo d’oro di Rimskij-Korsakov, 1982) e lo Châtelet di Parigi (Théâtre Musical de Paris). Nel 1989 ha preso parte, a Lugano, all’esecuzione ed alla registrazione di Imelda de’ Lambertazzi di Donizetti (Orlando) sotto la direzione di →Marc Andreae (Nuova Era). Ha altresì collaborato alle registrazioni della Dama di picche di Čajkovskij (Chekalinskij) per la Deutsche Grammophon nella direzione di Mstislav Rostropovitch e della Sinfonia n.1 Op. 26 di Skrjabin per la Philips Classica (Eliahu Inbal). Ha registrato per la Nuova Era un recital di inediti di →Ruggero Leoncavallo. T. ha interpretato musica sinfonica e sacra di Mendelssohn-Bartholdy (Walpurgisnacht), Verdi (Requiem), Bruckner (Te Deum), Čajkovskij (Romeo e Giulietta), Puccini (Messa di Gloria), Janáček (Messa Glagolitica).



Autore: Giorgio Appolonia



Fonte:

Appolonia, Giorgio: Fausto Tenzi, in: Kotte, Andreas (a.c.): Dizionario teatrale Svizzero, Chronos Verlag Zurigo 2005, vol. 3, pp. 1831–1832.

Normdaten