Gerri Beretta-Piccoli

Aus Theaterlexikon
Wechseln zu: Navigation, Suche

* 25.4.1946 Lugano TI, all’anagrafe Carlo Antonio Fausto B., in arte noto anche come Gerri Clown e come Fausto B. ∞ →Vania Luraschi, attrice e organizzatrice teatrale.

Frequenta la Haute Ecole d’Etudes Sociales di Ginevra. Nel 1975 fonda con la moglie, →Mando Bernardinello, →Cito Steiger e →Sonia Rossi, la Cooperativa d’Animazione Culturale Teatro Panzinis Zirkus (→Teatro Pan, Lugano TI). Lavora alle creazioni collettive di Belbon, il paese delle torte da →Bertolt Brecht (Lugano, Villa Speranza, 1975), La favola e il circo (1977), La notte degli assassini di José Triana (1979, regia di Coco Leonardi, ruolo di Lalo), Sì orso no da Frank Tashlin (Lugano, Spazio Pan, 1981, regia di →Michel Barras) e Io proprio io, io proprio tu, tu proprio io, tu proprio tu per la regia di Bernardinello (Spazio Pan, 1979). Nel 1979 si trasferisce a Parigi e si iscrive alla scuola di circo Nouveau Carré di Silvia Montfort, che frequenta per tre anni. Nel tempo libero tiene spettacoli di strada con la figlia Djamila, nata nel 1975. Tornato in Ticino, scrive e recita È successo di lunedì, per la regia di Benito Gutmacher (Spazio Pan, 1982). L’anno seguente, ancora con la figlia, nasce Il Barquinho da una favola brasiliana di Ivo Krugli (1984, regia di →Philippe Cohen). Nel 1984 è in Alice ‘85, da Lewis Carroll per la regia di Cohen (Ginevra, →Théâtre Saint-Gervais, Genève GE, ruoli: il Lory, il gatto, il giardiniere, il fante di cuori). È uno dei due attori nella presentazione francese dell’opera Vera Storia di Luciano Berio (Parigi, Opéra, 1985, regia di Maurizio Scaparro). Il 1985 è anche l’anno dell’abbandono delle scene teatrali per intraprendere l’attività di educatore all’ospedale Civico di Lugano.



Autore: Claudio Della Santa



Fonte:

Della Santa, Claudio: Gerri Beretta-Piccoli, in: Kotte, Andreas (a.c.): Dizionario teatrale Svizzero, Chronos Verlag Zurigo 2005, vol. 1, pp. 160–161.