Giorgio Thoeni

Aus Theaterlexikon
Wechseln zu: Navigation, Suche

* 1.3.1955 Genova (I).

Dopo la maturità conseguita a Lugano, si diploma nel 1980 presso la Scuola di Teatro Nuova Scena ATER-ERT di Bologna (diretta da Alessandra Galante-Garrone); laureato presso l’Istituto Discipline delle Arti della Musica e dello Spettacolo (DAMS) dell’università di Bologna nel 1984 con una tesi sul Carnevale di Basilea. Inizia l’attività di attore nel ruolo di Corifeo per Edipo Tiranno di Sofocle (regia →Benno Besson, Spoleto, Festival dei Due Mondi, 1980); sempre a Spoleto, è inoltre Daniele Manin in Risorgimento di Roberto Lerici (regia di Armando Pugliese, 1981). Rientrato in Ticino partecipa alle prime stagioni del →Teatro della Svizzera Italiana: è un pompiere in Omobono e gli incendiari di →Max Frisch (Acquarossa, Cinema-Teatro Blenio, 1983, regia di →Sergio Genni), Castrone in Volpone di Ben Jonson (Bellinzona, Scuole Nord, 1984, regia di →Vittorio Barino) e Roberto in La brocca rotta di Heinrich von Kleist (Locarno, Aula Magna Morettina, 1985, regia di →Sandro Bertossa). Co-fondatore del →Teatro Perepé di Banco di Bedigliora, nel 1984, interpreta i ruoli di Pedagogo in Giulietta e Rahman di Vico Faggi (Regia di →Pietro Aiani, 1985) e di Lepido in La barricata filosofale di Giorgio Buridan (regia di Sandro Bertossa, 1986). Dopo alcune apparizioni cinematografiche (Parole e sangue di Damiano Damiani, 1981; Iperventilazione di Bruno Soldini, 1982), diviene giornalista e nel 1985 entra a far parte della →Radio Svizzera Italiana (RSI), di cui è responsabile della Rete Tre dal 1991 e membro della Direzione Generale dal 2000. A partire dagli anni ‘90 svolge un’assidua attività di critico teatrale sul settimanale "Azione" (anche sotto la sigla Procuste) e occasionalmente per il "Corriere del Ticino". È membro della Commissione Culturale del Cantone Ticino (sussidi per le attività teatrali) e del comitato della →ATP.



Autore: Pierre Lepori



Fonte:

Lepori, Pierre: Giorgio Thoeni, in: Kotte, Andreas (a.c.): Dizionario teatrale Svizzero, Chronos Verlag Zurigo 2005, vol. 3, pp. 1942–1943.