Renato Reichlin

Aus Theaterlexikon
Wechseln zu: Navigation, Suche

* 4.11.1950 Bellinzona TI.

Dopo gli studi ginnasiali e liceali a Bellinzona e Lugano ottiene una Licenza in lettere e musicologia all’Università di Friburgo (1976) e, nel medesimo ateneo, un dottorato sulle Egloghe boscherecce di Giovan Battista Marino (1980). Si dedica poi all’insegnamento presso il Ginnasio (1976-1982) e il Liceo Cantonale di Bellinzona (dal 1982) ed è collaboratore dei programmi per la gioventù della →Televisione della Svizzera Italiana (TSI, 1972-1980). Dal 1982 al 1986 è membro del Comitato Direttivo dell’Associazione per un →Teatro della Svizzera Italiana, per cui siede nel Gruppo Operativo, insieme a →Pietro Aiani, →Mando Bernardinello, →Peter Bissegger e →Sergio Genni. Nel 1988, con l’Associazione Mircalla, fonda e dirige il festival di teatro →Homo Ridens, portando a Bellinzona numerosi spettacoli comici di successo (ma anche realizzazioni di maggiore impegno, come La cantatrice chauve e La leçon di Ionesco con il Théâtre de la Huchette di Parigi, nel 1988; Terra di nessuno di Pinter, nel 1995, con un memorabile Paolo Bonacelli). È presidente dell’Associazione Amici del →Teatro Sociale dalla sua costituzione (1986) e, nel 1997, cura la pubblicazione del volume dedicato al suo restauro (Il Teatro Sociale di Bellinzona:uno spettacolo di teatro, Bellinzona, 1997); lo stesso anno ne diviene direttore artistico. Nel 2005 è nominato responsabile del settore spettacoli del Dicastero Attività culturali della Città di Lugano, dirigendo le stagioni teatrali delle due città. È stato vice-presidente del →Centre Suisse ITI dal 1990 al 2004 e siede nel Comitato dalla →SST dal 1994.



Autore: Pierre Lepori



Fonte:

Lepori, Pierre: Renato Reichlin, in: Kotte, Andreas (a.c.): Dizionario teatrale Svizzero, Chronos Verlag Zurigo 2005, vol. 3, p. 1473.

Normdaten