Teatro Sunil, Lugano TI

Aus Theaterlexikon
Wechseln zu: Navigation, Suche

Compagnia indipendente, teatro di prosa e clownerie

Fondata a Lugano nel 1983 da →Daniele Finzi Pasca come "Sunils Clowns"; poi, nel 1986, "Teatro Intimo Sunil", mentre l’attuale denominazione risale al 1990. Codirettori: Daniele Finzi Pasca e →Maria Bonzanigo; tecnico, organizzatore Marco Finzi Pasca (dal 1986). L’attività è finanziata da Pro Helvetia, Cantone Ticino, Comune di Lugano, Migros Ticino, Coop Cultura. L’esordio pubblico avviene nel 1984, nel Capannone di Pregassona, con Rituale; nel 1986 viene aperto un Laboratorio a Magadino. Sin dall’inizio il lavoro si concentra principalmente sulla figura dell’attore-clown e utilizza diversi linguaggi dell’espressione scenica, l’antropologico, lo show, lo spettacolo per bambini, l’improvvisazione, la performance, la danza. L’attività creativa della compagnia è influenzata sia dalle esperienze personali del fondatore, referente fisso – autore e regista di buona parte dei testi - sia dagli altri elementi, eterogenei per provenienza, lingua, formazione che, nel tempo, vengono a farne parte. L’attuale formazione comprende anche Antonio Vergamini (dal 1994), l’attrice messicana Dolores Heredia (dal 1995) e l’uruguayano Hugo Gargiulo (dal 1997). Tra le produzioni, più di trenta, realizzate in diverse versioni linguistiche (oltre che nelle altre lingue nazionali, soprattutto in spagnolo e portoghese), si ricordano: Viaggio al confine (Lugano, Padiglione Conza, 1985; in portoghese a São Paulo, Brasile, Centro Sesc Pompeia, 1986); Dialoghi col sonno (Magadino, Centro-laboratorio, 1988; prima in portoghese Bahia, Brasile, Teatro dell’Università); Icaro (Milano, Teatro Sala Fontana, Festival Clown, 1991), Premio Florencio nel 1994; questo riconoscimento dell’Associazione dei critici teatrali di Montevideo (Uruguay) porta a consolidare i rapporti con i paesi dell’America Latina, già ben avviati attraverso tournée, partecipazioni a Festival, coproduzioni, stages, scambi. Seguiranno, in varie versioni linguistiche: Umbriel (Wattwil SG, Chössi-Theater, 1993 nella versione in tedesco); Giacobbe (Théâtre de Neuchâtel, 1995; Montevideo, Uruguay, Teatro de la Gaviota, 1995); Aitestàs, che nel 1998 viene rappresentato con successo al →Teatro Sociale di Bellinzona, nell’ambito del →Festival Internazionale del Teatro, segna una svolta di maturazione professionale, sia per l’impiego di mezzi, sia per la presenza di un’attrice dalla solida formazione come Dolores Heredia. La svolta, anche a livello produttivo, si conferma con Visitatio, coprodotto con il gruppo Carbone 14 e che debutta all’Usine C di Montréal (Canada). Tra gli ultimi spettacoli presentati: Ti amo (Chiasso, →Cinema Teatro, 2002) con Ana e Dolores Heredia (testo e regia di Finzi Pasca, coproduzione con Poramor Produciones di Città del Messico) e Cyrano & Bergerac da Edmond Rostand (Magadino, La Darsena, 2002), sofisticato e arguto gioco sullo sdoppiamento, dove a farsi carico di drammaturgia e interpretazione sono i soli Vergamini e Gargiulo. Membro di →TASI e →ASTEJ.



Autrice: Manuela Camponovo



Fonte:

Camponovo, Manuela: Teatro Sociale, Lugano TI, in: Kotte, Andreas (a.c.): Dizionario teatrale Svizzero, Chronos Verlag Zurigo 2005, vol. 3, pp. 1825–1826, vedi immagine p. 1826.