Teatro delle Radici, Lugano TI

Aus Theaterlexikon
Wechseln zu: Navigation, Suche

Compagnia indipendente con sede propria, teatro di ricerca e laboratori

Fondato dall’autrice, attrice e regista argentina →Cristina Castrillo, nasce a Lugano nel 1980 come centro di sperimentazione e scuola laboratorio, con l’intento di dedicarsi alla pedagogia teatrale, abbinata e fusa con la ricerca e l’allestimento di spettacoli. Il T.d.R. è una associazione indipendente, finanziata da Pro Helvetia, dalla commissione culturale del Cantone Ticino, dal Dicastero Musei e Cultura della città di Lugano, dalla Federazione delle Cooperative Migros, da soci sostenitori e da altre organizzazioni. Dal 1986 il T.d.R. ha la propria sede a Lugano. Tutti gli spettacoli prodotti sono diretti e scritti dalla Castrillo, in una drammaturgia "che si vuole emergente dall’azione teatrale", in un percorso segnato dalla centralità dell’attore e dalla ricerca creativa tramite la "memoria emotiva". Nell’ottobre 1982 debutta Tracciato a matita, vasta produzione corale con suggestive soluzioni sceniche, cui faranno seguito Trottole (1983), Trappola per tristi (1984), Gli abitanti del tramonto (1986), intensa parabola sui sogni di un gruppo di giovani attori che ben illustra il lavoro – basato anche sulla libera improvvisazione del gruppo – della Scuola-Laboratorio. Del 1986 è l’assolo Sul cuore della terra, su testo e per l’interpretazione della Castrillo, di cui è stata prodotta anche una versione televisiva (→Televisione della Svizzera Italiana, 2001). Fra coloro che hanno preso parte agli spettacoli del T.d.R. nel primo decennio: Elena Chiaravalli, Aldina Crespi, Jean Paul Felix, Maria Pia Gonzato, Morena Lana, Ivano Induni, Cinzia Morandi, Nicoletta Zacchi. Dai primi anni ‘90 il nucleo del T.d.R. ruota intorno agli attori Bruna Gusberti, Nunzia Tirelli, Diego Castrillo, Ledwina Costantini, Luca Fattorini. Le realizzazioni più importanti di questo secondo periodo sono: L’attimo blu (1992); Canto di pietra (1994); Umbral (1999, assolo della Castrillo); Sguardo di cenere (2001), una evocazione di destini femminili tra cui spicca la figura di Anna, ultima strega vissuta a Glarona e giustiziata per decapitazione nel 1782 (interpretata da Bruna Gusberti). La sala della compagnia, oltre a presentare gli spettacoli del T.d.R., ospita anche la Scuola-Laboratorio per la formazione dei futuri attori della compagnia, a cadenza biennale. Dal 1990 è in funzione la Scuola Laboratorio Internazionale per attori stranieri, che ha accolto artisti provenienti da paesi europei e latinoamericani. Nel 1992 il T.d.R. promuove inoltre il Progetto Giocatro, dedicato ad attività creative con bambini e ragazzi. Nel 1995 nascono gli Incontri Internazionali di Studi Teatrali. Fitta la partecipazione a Festival internazionali, con spettacoli e workshop, soprattutto in America Latina (Argentina, Brasile, Colombia, Messico, Cuba, Ecuador, Venezuela) ed Europa (Francia, Austria, Italia). Membro →TASI.

Dati tecnici

sito in viale Cassarate, in una sala ceduta in affitto dal Municipio di Lugano (di cui il T.d.R. assume le spese di ristrutturazione). La sala viene dotata di impianto luci e impianto sonoro. Lo spazio scenico, non rialzato, è profondo 8 metri e largo 6, con un altezza di 4 metri. Non ci sono camerini, ma soltanto un piccolo foyer, una parte del quale è stata adibita a camerino comune.

Bibliografia

  • Cristina Castrillo, Attore-Autore, Lugano, Teatro delle Radici, 1990;
  • Cristina Castrillo, I sentieri dell’acqua/Los senderos del agua, Lugano, Teatro delle Radici, 2001.


Autrice: Sabrina Faller



Fonte:

Faller, Sabrina: Teatro delle Radici, Lugano TI, in: Kotte, Andreas (a.c.): Dizionario teatrale Svizzero, Chronos Verlag Zurigo 2005, vol. 3, p. 1807, vedi immagine p. 1807.