Vladimiro Camuzzi

Aus Theaterlexikon
Wechseln zu: Navigation, Suche

* 4.9.1859 Lugano TI, † 1.6.1924 Lugano TI.

Figura di rilievo nella cultura luganese di fine secolo, dopo la costituzione della Corale Concordia sotto la presidenza di Pietro Primavesi (1867), è tra i membri associati coprendo in seguito anche la carica di presidente. Pur mantenendo il proprio impiego presso gli Uffici della Società di Navigazione e del Municipio, svolge un’indefessa attività in ambito musicale e teatrale. Dotato di una buona voce di baritono prende parte a concerti, spesso a scopo benefico, accompagnato al pianoforte da Enrico Fugazza o dalla Civica Filarmonica di Lugano diretta da Francesco De Divitiis. Gli sono accanto dilettanti di pregio quali Giuseppe Bianchi, Romolo ed Achille Agliati, Pietro Anastasi, Regina Bottazzini, Rosa Bernasconi, Maria Cogliati e professionisti quali Giovanni Baumann e Nina Antonini-Maraini, direttrice della sezione femminile della Corale. Sono frequenti anche le sue presenze come attore di prosa al →Teatro Sociale di Lugano in pièces quali La rivincita di Teobaldo Cicconi o Il mulino del Malcantone di Giovanni Anastasi (1869) o in operette quali Le campane di Corneville (Il marchese) di Robert-Jules Planquette con la Compagnia De Angelis diretta da Giovanni Righi (stagione 1892-93) o Luna di miele con la Compagnia "La Milanese" di Arturo Merone (1892-93). Dal 1892, con il citato Bianchi, è impresario a Lugano del →Teatro Rossini, Lugano TI, destinato a sostituire l’ormai decadente Sociale e che anticipa la costruzione del nuovo →Teatro Apollo, Lugano TI. Sebbene in ruoli di fianco, non saranno infrequenti le sue esibizioni sceniche mentre, fra i ruoli primari, si segnala Alfonso XI di Castiglia ne La favorita di Gaetano Donizetti per la direzione di Adelmo Bartolucci (1893). Sotto lo pseudonimo di Clamiro Vamuzzi si produrrà in seguito in Svizzera ed Italia in un repertorio concertistico imperniato su arie d’opera e romanze da camera, non trascurando il teatro leggero di prosa e l’operetta. Verso la metà degli anni Novanta prende parte al consiglio direttivo, presieduto da Giacomo Blanckart, per la costruzione del Teatro Apollo, inaugurato il 26 dicembre 1897 con Rigoletto di Verdi per la direzione di Pericle Fulignoli.



Autore: Giorgio Appolonia



Fonte:

Appolonia, Giorgio: Vladimiro Camuzzi, in: Kotte, Andreas (a.c.): Dizionario teatrale Svizzero, Chronos Verlag Zurigo 2005, vol. 1, pp. 334–335.

Normdaten