Carlo Giuseppe Gatti

Aus Theaterlexikon
Wechseln zu: Navigation, Suche

* 27.7.1817 Dongio TI, † 6.9.1878 Dongio TI.

Sprovvisto d’istruzione, emigra a 12 anni a Parigi ed è venditore di castagne insieme ai fratelli. Intorno al 1937 si trasferisce a Londra e crea alcuni caffè di successo, specializzati nella vendita di cioccolato e dolci. Apre poi, a partire dal 1948, numerosi ritrovi e ristoranti e il più importante commercio di ghiaccio della capitale. Il fratello Giovanni (1809-76), venuto da Parigi a Londra nel 1950, ottiene un vasto successo adattando la Royal Adelaide Gallery in una galleria-ristorante. Nell’Esposizione Universale del 1851, G. e il suo socio Battista Bolla, espongono una macchina per la preparazione automatica del gelato. Le sue molteplici attività lo rendono milionario. Il locale in Hungerford Market viene demolito per lasciare spazio alla costruenda Charing Cross Station e con le sterline guadagnate dalla cessione al governo, Carlo Giuseppe, in società con Giuseppe Marconi (fratello del celebre Guglielmo), costruisce un altro ristorante nella Westminster Bridge Road, trasformato nel 1865 in un music-hall e presto diventato uno dei locali più noti di Londra: il Gattis-in-the-Road, dove si esibiranno, tra gli altri, Harry Lauder (1900) e Bella Lloyd (1901); nel 1867 fonda poi il Gatti’s Charing Cross Music Hall (in Villier Street) ove si esibisce per la prima volta il celebre improvvisatore Sloman; resterà in uso (sotto vari nomi) fino al 1903, per poi essere trasformato in una sala cinematografica (1910). Tornato in Ticino, dopo le seconde nozze, è eletto per due legislature in Gran Consiglio (1867-75). L’attività di impresariato teatrale a Londra viene continuata dai nipoti (figli di Giovanni) Agostino (1841-97) e Stefano (1848-06), che si arricchirono, tra l’altro, con la prima società elettrica di illuminazione in Inghilterra (Charing Cross and Stand Electricity Supply Co., 1883) e acquistarono, nel 1879, anche la sala dell’Adelphi Theatre.

Bibliografia

  • Pino Peduzzi, Pionieri ticinesi in Inghilterra: la saga della famiglia Gatti, Bellinzona, Casagrande, 1985 (1935).


Autore: Redazione



Fonte:

Redazione: Carlo Giuseppe Gatti, in: Kotte, Andreas (a.c.): Dizionario teatrale Svizzero, Chronos Verlag Zurigo 2005, vol. 1, pp. 681–682.

Normdaten